Booking.com

Lunedì, 21 Agosto 2017 06:52

Loreto Aprutino - Mostra fotografica ABRUZZO di Michael Kenna continua fino all`8 settembre

Foto tratta da http://www.abruzzomichaelkenna.it/ Foto tratta da http://www.abruzzomichaelkenna.it/

Il lavoro Abruzzo di Michael Kenna è stato eseguito nel 2015 e 2016; sono  stati percorsi 5.700 Km attraverso i paesaggi delle quattro province abruzzesi e realizzate immagini che spaziano dai picchi prossimi  ai 3000  mt,  dei rilievi più alti della Penisola fino  alla costa  dei trabocchi,  passando attraverso un mosaico paesaggistico tra i più ricchi d’Italia.

Nel 2001 Kenna è stato nominato Cavaliere dell'Ordine delle Arti e delle Lettere dal Ministero della Cultura in Francia. Nato a Widnes, in Inghilterra nel 1953, attualmente vive a Seattle, Washington, USA, e continua a fotografare in tutto il mondo.

La mostra presenta più di 80 fotografie in bianco e nero, disposte lungo un  percorso espositivo suddiviso in 4 sezioni: paesaggio rurale, costa, montagna e borghi e castelli. Nella sala introduttiva Michael Kenna viene presentato e inquadrato nel filone storico di artisti internazionali che  hanno visitato e ritratto il paesaggio abruzzese.

Ottantadue anni dopo le stampe dell’olandese M.C. Escher, Abruzzo è il primo grande lavoro di un artista internazionale sul paesaggio abruzzese. La mostra presenta alcune tra le sue immagini a più forte impatto emotivo realizzate in Italia e la sua prima produzione interamente dedicata ad una regione del Paese.

L'Abruzzo ritratto da Kenna è una  terra di sentimenti primari, in cui si scoprono molti valori di Kenna. La maggior parte di questi paesaggi ci lascia con  un  senso  della storia e vaghi ricordi del passato. Forse le nubi scure  e minacciose che  si agitano su di essi e le atmosfere vagamente cupe riscontrabili in molti di questi gioielli paesaggistici, lasciano intendere anche un  senso  di preoccupazione dell’autore per  il futuro. Il passato è sicuramente molto importante per Kenna, è una  fonte di nutrimento e non  è casuale la sua scelta del monòcromo come forma di espressione artistica; insiste ancora nel fare piccole stampe, fatte a mano, ai sali d'argento e l'articolazione della scala tonale cromatica rappresenta più che un’allusione al lavoro pittorialista del passato.

"Le fotografie di Michael sono isole di serenità e di silenzio in un mondo rumoroso e caotico ... Le sue stampe sono squisitamente seducenti, esperienze spirituali, simili alla poesia o alla musica ... Colpiscono accordi cupi inoltre contengono una luce mistica che è allo stesso tempo malinconica e  luminosa  ...  ".

Considerato il fotografo di paesaggio più importante della sua generazione, Michael Kenna osserva il nostro  mondo in  un  modo del tutto  fuori dal comune da più di 45  anni.  Le sue  fotografie misteriose, spesso realizzate all'alba o nelle ore  buie della notte, si concentrano soprattutto sulla interazione  tra il paesaggio naturale  e le opere dell'uomo.  Kenna è sia un  fotografo diurno che notturno, affascinato dalle ore del giorno in cui la luce è nel suo punto più duttile. Con esposizioni notturne che  durano fino a dodici ore, le sue fotografie spesso  registrano particolari che  l'occhio umano non  è in grado di percepire.
Kenna è particolarmente famoso per la dimensione intima della sua fotografia e il suo meticoloso stile di stampa personale. Lavora con  mezzi fotografici tradizionali, non  digitali. Stampe artigianali in bianco e nero  squisitamente lavorate a mano, riflettono un senso di raffinatezza, di rispetto per la storia e un’originalità approfondita. Le fotografie di Kenna sono  state esposte in mostra in più di settecento gallerie e musei di tutto il mondo, e sono  incluse in collezioni permanenti di celebri istituzioni come:  The  Bibliothèque Nationale,  Parigi;  Il Metropolitan Museum  of Photography, Tokyo; La National Gallery, Washington, D.C.; Il Museo d'Arte di Shanghai e il Victoria and Albert Museum di Londra.

Sul lavoro di Kenna sono  stati pubblicati oltre cinquanta cataloghi di mostre e monografie, tra cui: Michael Kenna – Una Retrospettiva Ventennale (Treville, 1994 e Nazraeli Press, 2000); Impossibile dimenticare (Marval e Nazraeli Press, 2001); Giappone (Nazraeli Stampa e Treville Edizioni, 2003); Retrospettiva Due  (Nazraeli, e Treville Edizioni, 2004); Michael Kenna - Una Retrospettiva (BnF, 2009); Immagini del Settimo Giorno (Skira, 2010); La Cina (Poste e Telecom Press, 2014); Francia (Nazraeli Press 2014); Forme del Giappone (Prestel - Random House, 2015).

MOSTRA a cura di  Vincenzo de Pompeis
PROMOSSA  DA Fondazione dei Musei Civici di Loreto Aprutino
PATROCINIO Comune di Loreto Aprutino

Il curatore Vincenzo de Pompeis è Presidente della Fondazione dei Musei Civici di Loreto Aprutino. Ha lavorato per  anni nell’industria della cinematografia naturalistica internazionale, collaborando alla realizzazione di documentari prodotti per  varie emittenti straniere. Nel corso  della sua attività di direzione di istituzioni  museali regionali,  ha  curato numerose  mostre  per diversi musei,  tra  cui l’Hermitage, i Musei Capitolini ed il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza. È autore di più di trenta pubblicazioni in molteplici settori di ricerca.
Come Presidente della Fondazione dei Musei  Civici di Loreto, in collaborazione con  altri curatori, ha ideato nel 2012 “Loretoview”, primo festival di fotografia di paesaggio in Italia.

SEDE Palazzo Casamarte, Via del Baio, Loreto Aprutino (PE).
Il palazzo Casamarte rappresenta una  delle residenze nobiliari più significative di Loreto Aprutino, nonché un’emergenza di sicuro rilievo nel novero dell’architettura civile abruzzese tra ‘700 e ‘800. Appartenente ai baroni Casamarte,  casato  venuto  dalla Corsica in Abruzzo alla fine del ‘700  a seguito delle campagne napoleoniche (ma di origine sorrentina), il palazzo subisce sulla  metà del secolo XIX  una  radicale trasformazione  in chiave neoclassica tramite  l’accorpamento  di edifici preesistenti, frutto dell’intervento dell’architetto ed ingegnere Francesco Valentini (1824-1888), al quale si deve il ridisegno di altri palazzi insistenti sulla via del Baio, come palazzo Valentini e palazzo Acerbo.

ORARI dal martedì alla domenica, ore 10.0013.00 e 18.00-21.00
È possibile effettuare visite fuori dell’orario di apertura per gruppi, su prenotazione.

BIGLIETTO € 10,00 (Il biglietto, oltre alla mostra di Michal Kenna, include l’ingresso al Museo Acerbo delle Ceramiche di Castelli e al Museo dell’Olio). I bambini fino a 8 anni entrano gratuitamente. BIGLIETTO RIDOTTO € 7,00 (da 8 a 23 anni - over 65 – gruppi superiori a 10 persone).

I Musei Civici di Loreto Aprutino sono  convenzionati con  il Touring Club Italiano, con  il FAI, con l'Archeoclub d'Italia e con  EURO26, pertanto i loro Associati hanno diritto all'ingresso con  biglietto ridotto, previa presentazione della tessera valida per l'anno in corso.

IL LIBRO
Abruzzo di Michael Kenna

Bilingue  (italiano/inglese),   cartonato  con   custodia,   30x32  cm,   80  pagine. La  monografia   è pubblicata in concomitanza con  la mostra. Stampato in bicromia, Abruzzo presenta 65 immagini inedite. Il volume è a cura  di Vincenzo de Pompeis.
Stampato in 2.500 copie.  Edito da Nazraeli Press.  Una  edizione  giapponese è  pubblicata in contemporanea da Shuppan-Kyodosha.







2 Via Gelo
Loreto Aprutino, Abruzzo.
Italia ,65014
+39 085 829 1589

42.43301,13.988713

Comuniabruzzesi.it è un portale online di informazioni sulle attività delle amministrazioni comunali abruzzesi finalizzate alla valorizzazione del territorio.

Iscriviti al gruppo

facebook

Scarica gratis la app dei
Comuni abruzzesi

Google Play
app store

Scarica gratis la app dei
Comuni abruzzesi

Google Play
app store