Booking.com

Venerdì, 23 Giugno 2017 08:38

Val Vibrata-Valle del Tronto Piceno. 30 milioni per il rilancio

Per il 2017 è prevista l'apertura di diversi bandi in relazione all'Area di Crisi Val Vibrata e Valle del Tronto in seguito all'Accordo di Programma siglato dalla Regione Abruzzo e dalla Regione Marche e in attesa della sottoscrizione delle Provincie interessate.

La Regione Abruzzo ha stanziato 7 milioni di euro per l'innovazione dei processi produttivi delle aziende o del commercio online (fondi POR FESR) e 7,750 milioni per il rilancio dell'occupazione attraverso corsi di formazione (fondi POR FSE).

Per quanto riguarda la Vibrata, il Progetto di riconversione e riqualificazione industriale (PRRI) prevede i seguenti ambiti di intervento: 

  • promozione di iniziative imprenditoriali in grado di sostenere l’economia locale e tracciare traiettorie di sviluppo sostenibile, anche tramite sostegno di nuove iniziative imprenditoriali;
  • promozione di progetti innovativi per l’integrazione di filiere produttive, sostegno a progetti di investimento per innovazioni di processo e/o di prodotto;
  • ricollocamento lavorativo del personale appartenente a uno specifico bacino tramite azioni volte alla riqualificazione e reimpiego dei lavoratori con corsi di formazione continua, percorsi di riqualificazione e aggiornamento delle competenze, attivazione di politiche attive del lavoro dedicate ai lavoratori assunti dalle imprese beneficiarie delle agevolazioni;
  • interventi infrastrutturali prioritari per l’area di crisi, per i quali individuare percorsi di attuabilità e risorse da attivare, al fine di completare la Pedemontana Marche-Abruzzo, asset considerato strategico per i collegamenti della macro area.

A seguito della DGR n°161 del 6 aprile 2017, con cui ha deliberato in merito alla individuazione del bacino dei lavoratori da ricollocare e/o beneficiari delle azioni di politiche attive del Lavoro previste dal PRRI nell’area di crisi Complessa “Val Vibrata – Valle del Tronto Piceno”, la Regione Abruzzo ha stanziato la somma di 7 milioni e 750 mila euro sul proprio POR FSE 2014 2020 per specifiche azioni volte a finanziare corsi di riqualificazione del personale disoccupato, così da rendere molto più appetibile l’investimento nelle aree interessate dalla fase di crisi.

Inoltre il Ministero per lo Sviluppo Economico mette a disposizione 15 milioni di euro per finanziare il rilancio dell'Area di Crisi Vibrata volti all’acquisto di macchinari e attrezzature.

Il PRRI è ora dunque in via di perfezionamento e, dopo il vaglio della Corte dei Conti che in due mesi dovrebbe dare ok definitivo, ai primi di settembre si prevede l’apertura del bando nazionale Invitalia (investimenti maggiori di 1,5 milioni di Euro) e di quello della Regione Abruzzo (per importi inferiori da 200.000 euro in su).

A queste opportunità si aggiungeranno poi le risorse nazionali dei Contratti di Sviluppo, gestiti sempre da Invitalia e per investimenti superiori ad 1,5 milioni di euro.

Sul territorio opera l'agenzia Fideas Srl a disposizione delle imprese interessate per consulenza e formazione per l’accesso a contributi e finanziamenti agevolati. (tel. 0736/880843, email: fideas@topnet.it).

Questi fondi verranno attribuiti attraverso i bandi Invitalia e i Contratti di Sviluppo per un totale di 30 milioni di euro a disposizione dei 13 Comuni dell'Area di Crisi Val Vibrata.

Per ulteriori informazioni 

Comuniabruzzesi.it è un portale online di informazioni sulle attività delle amministrazioni comunali abruzzesi finalizzate alla valorizzazione del territorio.

Iscriviti al gruppo

facebook

Scarica gratis la app dei
Comuni abruzzesi

Google Play
app store

Scarica gratis la app dei
Comuni abruzzesi

Google Play
app store